NEL GERME DI GRANO LA VITAMINA DELLA GIOVINEZZA

giovedì 13 giugno 2013
 

 

Valido ricostituente per l’organimo, è noto anche come “vitamina della giovinezza”. 
Il germe di grano contiene le vitamine E, B1, B3, B5, B6 e F e gli oligoelementi calcio, potassio, silicio, fosforo, zolfo, zinco, rame, ferro, magnesio, manganese, selenio e molibdeno.
Contiene anche Octasanolo che agisce sul glicogeno dei muscoli e contrasta il senso di fatica.

Ma la sua importanza nell’alimentazione è dovuta soprattutto alla presenza di grandi quantità di vitamina E che viene assimilata grazie alla presenza del magnesio.

La sinergia della vitamina E e del magnesio rende il germe di grano un alimento molto vitale, apportatore di energia psico-fisica. Il germe di grano è quindi utile nelle condizioni di stress fisico e psichico, intensi allenamenti sportivi, eccesso di radicali liberi, le sostanze aggressive che proliferano nel nostro organismo a causa dell’inquinamento, delle radiazioni, dell’età e anche dei pensieri e sentimenti negativi.
Il modo migliore per assumerlo è aggiungerlo alle insalate. Può essere aggiunto anche ad altri cibi freddi.
Per mantenere le sue proprietà non deve essere riscaldato né surgelato. Inoltre è fondamentale tener presente che il germe si trova nella parte più esterna del chicco, quella parte in cui, se il prodotto non proviene da coltivazioni biologiche, si accumulano tutti i veleni chimici usati nell’agricoltura convenzionale quali: concimi, pesticidi ed erbicidi; in questo caso i veleni chimici annullano e distruggono tutte le proprietà salutari del germe di grano.